I migliori set fotografici per cibo: quali scegliere? Articoli e costo

Fare foto al cibo è diventata una grande modo, tanto che c’è chi ne ha fatto un lavoro. Rimanendo in termini culinari, gli ingredienti per una buona foto di cibo sono pochi ma devono essere ben calibrati.  pochi e come in cucina non è sufficiente buttarli in pentola a caso per avere un buon risultato. Lo scopriremo in questo articolo. In passato la fotografia editoriale e pubblicitaria del cibo si faceva con dei prodotti finti, di plastica, l’immagine serviva solo per presentare il prodotto. Ma oggi, la fotografia del cibo è diventata talmente realistica che subito ci fa venire voglia di mangiare o di andare in un determinato posto, questo solo per aver guardato una foto. Che può sembrare semplice all’apparenza, ma dietro sussiste un grosso studio. Infatti, fotografare il cibo vero presuppone una buona conoscenza degli ingredienti stessi e anche della cucina, questo sia per poterli maneggiare in fase di styling che anche nella riuscita delle sfumature.

Strumenti fotografici per fotografare il cibo

Per fotografare il cibo serve una qualsiasi fotocamera e una cospicua conoscenza delle tecniche di fotografia. potranno essere scattate foto del cibo semplicemente con lo smartphone, oggigiorno lo fanno quasi tutti e addirittura esistono dei corsi appositi. Infatti, non occorre avere una fotocamera spaziale, ma saperla utilizzare al meglio delle sue potenzialità. Appunto è inutile fare l’acquisto di una reflex full frame di ultima generazione se non si sa come calibrare esposizione, diaframma e ISO. Ciò che fa la differenza in fatto di fotografia food sono:

  • un cavalletto solido 
  • una lente luminosa con un buon sfocato
  • un pannello riflettente

Le luci

Non occorre fare l’acquisto di una luce artificiale, ma si dovrà cercare una bella finestra ampia, quella esposta meglio e fare foto. La miglior luce è quella del sole. Dovremo ruotare il set per provare direzioni diverse della luce e provare anche a scattare lo stesso set in orari diversi. Si deve sempre fare attenzione alla temperatura del bianco e alle dominanti gialle, blu o di altri colori che vengono riflessi dalla luce circostante.

Sfondi

Una bella riuscita della foto viene proprio dallo sfondo che scegliamo per allestire il set. Ci dovremo procurare delle assi di legno, meglio ancora se sono vissute e rovinate, per andare a dare un tocco ancora più autentico agli scatti. Potremo utilizzare tovaglie e altre stoffe e se ne avessimo bisogno di tanto colore, potremo acquistare carte e cartoncini fantasia, per creare sfondi vivaci. Sono molto comodi anche gli sfondi di vinile stampato, anche se tutt’altro che economici ma solidi, pratici e molto resistenti.

I Props

Infine, siamo all’ultima particolarità che dobbiamo tenere di conto per la fotografia. Ovvero i props, dunque parliamo di tutti quegli oggetti che si vedono nelle foto, come piattini, scodelle, posate, bicchieri e altre cose simili. Sono molto belli, ma anche qui vale quanto si è detto per la macchina fotografica, non sono tanti props a rendere belle le nostre foto. Il protagonista della foto è nel piatto, non ciò che è intorno. Potremo anche creare atmosfere bellissime senza riempire i set di stoviglie e oggetti che semmai potrebbero distogliere da quello che conta davvero. Molte volte, per avere una buona foto di cibo basta il piatto da fotografare e quello che abbiamo già intorno. Potremo utilizzare della frutta e verdura, farine, sale e zucchero che rendono tutto più vero e costano pochissimo, anche perché li abbiamo già in casa. Potremo anche mettere nella foto dei semi e frutta secca, gli attrezzi che usiamo in cucina, più saranno vecchi e rovinati e meglio è, in certi casi, potremo prendere delle vecchie bomboniere, pezzetti di stoffa dei campionari vecchi. Qualsiasi cosa ma senza eccedere. Inoltre, non si ha bisogno di acquistare un’alzatina per ogni dolcetto che si fotografa. Ma basta un semplice piatto appoggiato su una tazza o una scodella che viene capovolta e sarà perfetto per creare un vassoio elegante per le torte.

In conclusione

Infine, siamo arrivati alla conclusione. Dopo aver visto che cosa occorre, che alla fine è solo la luce del sole e tanta pratica, potremo dire che per una buona riuscita della foto conta il nostro stile. Come per ogni cosa servirà pazienza e tempo, per poter dare ai nostri scatti quel qualcosa che ci renda riconoscibile a colpo d’occhio. Dovremo ance osservare e farci ispirare, sfogliare riviste e dare un’occhiata anche sul web. Dovremo seguire i trend e le loro evoluzioni, provare sempre a fare tutto e scartare quello che non ci piace. Dovremo chiaramente uscire dalla nostra comfort zone per buttarci in cose assolutamente diverse e tecniche nuove. Questo farà sì che il nostro stile piano piano si vada ad affinare, l’importante è trovare ciò che ci somiglia di più e ci piace, che lo troviamo adatto al nostro modo di voler raccontare un piatto. Tutto questo, ricordate, richiede molta tenacia.

Appassionata della lettura e dell’arte. Amante della scrittura. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli. Sono felice di poter scrivere articoli su più temi.

Back to top
menu
fotostudioeilluminazione.it